antiossidanti per la pelle

Antiossidanti: gli spazzini del nostro corpo!

Gli antiossidanti funzionano, nell’organismo, come un gruppo di “spazzini” che eliminano gli scarti che le cellule lasciano dietro di sé.

 

antiossidanti
Tutte le cellule del nostro corpo hanno una funzione: lavorano 24 ore su 24, costruendo e riparando ossa, muscoli, pelle ed altri parti del corpo; quando lavorano, le cellule creano anche prodotti di “scarto”.
Tra le sostanze di scarto ci sono i radicali liberi; ogni giorno il nostro corpo produce migliaia di queste molecole altamente reattive, che sono in grado di danneggiare le strutture cellulari come la membrana plasmatica ed il DNA.
I radicali liberi svolgono la loro azione negativa che si ripercuote sulla salute dell’intero organismo, si accelerano i processi di invecchiamento cellulare, deprimendo il sistema immunitario, favorendo l’insorgenza di numerose malattie e forme tumorali.

Fonte di esposizione ai radicali liberi sono rappresentate da:

fumo;
inquinamento;
raggi UV;
scorretta alimentazione;
stress;
consumo di alcol;
prodotti chimici tossici;
pesticidi;
esercizi fisici molto faticosi;
assunzione di farmaci;
antibiotici.

Il nostro organismo riesce a tenere sotto controllo l’attività dei radicali liberi attraverso speciali sostanze antiossidanti endogene (sintetizzate autonomamente) ed esogene (presenti negli alimenti).
Nella prima categoria rientrano enzimi come la superossidodismutasi (SOD), la catalasi e il glutatione ridotto. Tra le sostanze non enzimatiche con proprietà antiossidanti ricordiamo invece la Vitamina E, la Vitamina C, i carotenoidi, i polifenoli e le antocianine. Se da un lato molti alimenti esercitano un’azione protettiva nei confronti dei radicali liberi, dall’altro abitudini alimentari scorrette possono aumentarne l’attività (dieta troppo ricca di grassi animali, consumo eccessivo di oli vegetali e pesce grasso, eccesso di ferro, intolleranze alimentari).

Gli alimenti più pericolosi in assoluto sono quelli ricchi di lipidi ed in particolare di acidi grassi polinsaturi (pesci, oli vegetali, frutta secca). La natura ha tuttavia saputo associare a tali nutrienti elevate quantità di vitamina E in modo da neutralizzare, almeno in parte, la formazione di radicali liberi.

Come per altri organi, anche per la cute, l’esposizione alle radiazioni ultraviolette modifica sostanzialmente sia la normale architettura del derma e dell’epidermide, sia la concentrazione locale di enzimi e molecole dotate di potere antiossidante.

Tutto ciò dimostra come la cute, in maniera del tutto autonoma, seppur dipendente dalla disponibilità di tali sostanze, possa regolare la concentrazione locale di antiossidanti.
Ecco il motivo per cui una dieta sana e l’apporto aggiuntivo di elementi antiossidanti, quando necessario, potrebbero contribuire al mantenimento di una pelle giovane e sana.

Enzimi come la Glutatione Perossidasi, la SuperOssido Dismutasi, la Catalasi e molecole come la Vitamina E, la vitamina C, il Glutatione ed il coenzima Q10, si sono infatti rilevati cruciali nella protezione cutanea.

Infatti, la pelle invecchiata e sottoposta ad una massiva esposizione alle radiazioni ultraviolette presenta concentrazioni locali molto basse di queste molecole, evidenziando così un’inadeguatezza difensiva che si concretizza nel:

• danno ai cheratinociti e ad alle altre cellule epiteliali, con alterazione del normale ciclo cellulare;
• danno strutturale al collagene e alle altre proteine strutturali, con alterazione della normale qualità cutanea;
• danno ai fibroblasti e conseguente riduzione delle capacità di sintesi di collagene;
• danno al DNA con aumento del rischio di trasformazioni neoplastiche.

Come è facile intuire, quindi, il tutto determinerebbe alterazioni di tipo estetico/funzionale, contribuendo così alla comparsa dei tipici segni dell’invecchiamento cutaneo, ma anche danni di tipo salutare e patologie.

 

 

Ti  è piaciuto il nostro articolo? Scrivici un commento o una mail per chiederci dei consigli utili e visita la nostra sezione e-commerce per scegliere i prodotti più adatti a te.

 

Condividi questo messaggio!

A proposito dell'Autore: Nadia Russo

Laurea in medicina e chirurgia presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II (1997); Specialista in
dermatologia e venereologia e esperta in laser terapia in ambito dermatologico. Responsabile sanitario del poliambulatorio ACISMOM – ordine di malta dal 2010. Presidente della SILD società italiana di laser in dermatologia dal 2013.

0 Commenti

Lascia un tuo commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.